09.05.2024 ANCORA UN’ESTATE

di Catherine Breillat con L. Drucker, S. Kircher, O. Rabourdin, C. Courau, Francia 2023, durata 104 min.

Dopo Anatomia di una caduta di Justine Triet,Teodora film porta in sala un altro eccellente film che è stato in concorso all’ultimo festival di Cannes, e sempre firmato da una regista: Ancora un’estate di Catherine Breillat. Non meno provocatorio e intenso, ma anche più oscuro e insieme romantico, per certi aspetti anche più folle, rispetto a quello di Triet. Piacere per lo scandalo e la provocazione o no, il punto di vista sul quale è imperniato il suo lavoro è sempre originale, inatteso e realmente profondo, da non scambiare con una posa autoriale gratuita. Quel che interessa Breillat è certamente l’ordine borghese attraversato da fratture sotterranee che possono esplodere improvvisamente, tendenzialmente viste attraverso il prisma delle relazioni sentimentali, ma soprattutto della sessualità e delle forme incontrollabili che può prendere il desiderio. L’amour fou è il grande tema che attraversa da sempre la letteratura e il cinema francese, ma qui è riletto con un’occhio femminile, femminista per tanti aspetti, e trasgressivo. Francesco Boille (Internazionale)